“Biden alla Casa Bianca significa la sconfitta dei sovranisti cattolici”. Intervista a Maria Antonietta Calabrò

Joe Biden al The Queen theater in Wilmington (AP Photo/Susan Walsh)

Con la certificazione della vittoria elettorale, da parte del Congresso, arrivata oggi, dopo il folle assalto di ieri delle “brigate” trumpiane a Capitol Hill, per Joe Biden non ci sono più ostacoli per la Presidenza degli Stati Uniti. Il Presidente eletto giurerà, insieme alla Vice Presidente Kamala Harris, il prossimo 20 gennaio a Washington.Gli scontri di ieri a Capitol Hill, istigati da Donald Trump, hanno provocato una ferita inaudita per la democrazia americana. Un paese diviso e incattivito dalla propaganda estremista dei circoli sovranisti. Anche l’estrema destra cattolica porta la sua responsabilità (vedi ad esempio Steve Bannon e l’ex nunzio Carlo Maria Viganò). Non sarà semplice per Biden fare opera di pacificazione. Una sponda importante , sicuramente, la troverà in Papa Francesco. L’elezione del cattolico Biden significa, infatti, la sconfitta dei nemici sovranisti del Papa. Anche il Vaticano sta vivendo un momento importante: la riforma delle sue finanze ad opera di Papa Francesco. Ma si sono ancora episodi da chiarire come le notizie provenienti dall’Australia.

Proprio oggi il Congresso ha ratificato la elezione di Joe Biden a Presidente degli Usa. Sappiamo quanto è profonda la ferita inferta alla democrazia statunitense .L’assalto al Congresso da parte dei fanatici Trumpiani. Per Biden il primo dei compiti è quello di pacificare il paese. E in questo penso che una sponda importante potrà venire da Papa Francesco. Ci sarà una nuova stagione nel rapporto con il Vaticano?
Certamente. Biden e’ Il secondo cattolico ad essere stato eletto Presidente degli Stati Uniti dopo John Fitzgerald Kennedy, sessant’anni fa. Biden ha apertamente parlato della sua fede durante il discorso di investitura alla Convention democratica di Milwaukee, e ha spiegato quanto sia stata importante per aiutarlo a superare i gravi lutti subiti nel corso della sua vita. All’inizio della campagna elettorale,il suo staff ha preparato un video in cui mostrava un breve incontro a un’udienza generale con Papa Francesco, come una “benedizione“ papale alla sua scalata alla Casa Bianca.Nel corso delle settimane, la questione “ cattolica” per i Dem e’ rimasta sotto traccia. Ma non è solo per la sua fede personale che la vittoria di Biden, “libera” Papa Francesco da un possibile scacco matto, ipotizzabile invece in caso di vittoria di Trump.Per motivi geopolitici e per motivi “ interni” alla Chiesa Cattolica, riporta il Trono del mondo in qualche modo in sincrono con l’Altare. E quindi in qualche modo eviterà le forti tensioni che si ebbero alla fine del pontificato di Ratzinger con l’ elezione di Obama e negli anni della presidenza Trump per Francesco.Chi non ricorda le iniziative sovraniste di Steve Bannon? L’alleanza con i cardinali “conservatori” ( a cominciare dal cardinale Burke), mano a mano arginate dopo l’uscita dalla Casa Bianca fino al suo recente arresto in relazione a reati finanziari relativi alla costruzione del Muro antimigranti con il Messico? L’alleanza in Italia con Matteo Salvini,il politico con la maglietta “Il mio papa e’ Benedetto”?Il voto cattolico (26 per cento della popolazione) è stato decisivo per le vittorie di Obama, ma negli ultimi anni negli Stati Uniti si è sempre più’ polarizzato: perché “spostarsi” a destra per un cattolico americano ha significato anche prendere le distanze dal Pontificato di Francesco.La propaganda dell’ex Nunzio monsignor Carlo Maria Viganò ha martellato per oltre due anni, dall’agosto 2018, contro il Papa, di cui ha chiesto più volte le dimissioni. Viganò ha indetto preghiere per la rielezione di Trump e ha ottenuto il pubblico appoggio di Trump in persona. Mentre con una mossa senza precedenti il Segretario di Stato Mike Pompeo a fine settembre ha accusato il Vaticano di immoralità per i suoi accordi diplomatici con la Cina in materia di scelta dei vescovi.
Questo processo adesso, con il prossimo inizio della presidenza Biden , si interromperà

L’ ex Nunzio Viganò ha “ sponsorizzato” azioni a favore di Trump e contro Biden fino all’altro ieri.
Sì. Tre giorni prima dell’assalto al Congresso degli Stati Uniti per “bloccare” la proclamazione della vittoria di Joe Biden, l’ex Nunzio Carlo Maria Viganò ha rilasciato (1 gennaio, festa di Maria Madre di Gesù) un’intervista a Steve Bannon resa pubblica il 3 gennaio su Lifesite (in Italia Stilum Curiae) in cui ha incitato i “figli della luce” ad agire “adesso”. Visto quanto è successo al Capitol isi può ben dire che i complottisti hanno avuto una benedizione “cattolica” da parte parte del controverso arcivescovo il cui pupillo è almeno dal 2018 Donald Trump e il cui nemico numero uno è Papa Francesco, che a suo dire sarebbe complice del Gran Reset, della sudditanza alla Cina ( se c’è’ però un politico che ha indebolito gli USA a favore della Cina negando la pandemia, questo è’ Trump) .Al grido di “Dio lo vuole”, grido di battaglia medievale per arruolare i crociati da inviare in Terra Santa a liberare il Santo sepolcro. Una delle domande di Bannon a Viganò infatti suonava così: “Lei si è mostrato fiducioso che Dio desidera una vittoria di Trump per sconfiggere le forze del male” . Da notare il verbo al presente . Ma Viganò non è stato solo protagonista contro Francesco. Oggi si ascrive tra i sostenitori di Benedetto XVI , ma in realtà’ fu lui che alimento’ la fuoriuscita di documenti riservati durante il primo Vatileaks e che scrisse il falso a Benedetto pur di non lasciare il suo incarico di potere in Curia. E’ un personaggio centrale non solo della geopolitica vaticana, ma anche della partita delle finanze. Nell ‘intervista, ha quasi sollecitato la pubblicazione di prove di corruzione della “deep church”, in mano ai servizi segreti.”

Il Papa ha appena varato una importantissimo riforma finanziaria per la Santa Sede e dall’Australia arrivano venti di tempesta. Mi riferisco alla notizia, diffusa dai media Australiani, secondo cui dal Vaticano sarebbe stata trasferita in Australia una somma enorme 1, 8 miliardi di euro. Il Vaticano, attraverso un funzionario, ha commentato la notizia come “fantascienza”. E anche la Chiesa Australiana ha negato di averne mai saputo nulla. Cosa può essere, per te, tutto questo? È una, ennesima, tempesta in arrivo?
Dal primo gennaio, di quest’anno, è entrata in vigore la riforma di Papa Francesco sulla centralizzazione delle casse vaticane. Mi riferisco in particolare al trasferimento dei fondi ( la cosiddetta terza banca) dalla Segreteria di Stato all’APSA. Tutto questo è una vera rivoluzione, che è’ stata innescata dal cosiddetto caso Becciu, con l’ oscura vicenda dell’acquisto del palazzo di Londra . Il punto è che il Papa c’è’ dovuto arrivare in tre successive mosse: una lettera al cardinale segretario di Stato Parolin ad agosto, poi la nomina della Commissione per la gestione del trasferimento dei fondi ad ottobre, infine il Motu proprio con forza di legge a dicembre. Per tornare anche all’Australia, però, bisogna comprendere che questo processo relativo ai fondi della segreteria di Stato, non è’ ancora finito, e si attuerà definitivamente, tranne imprevisti, solo entro 4 febbraio. C’ è ancora un mese di tempo. L’antiriclaggio australiano AUSTRAC ha evidenziato 47 mila transazioni in sei anni ( 2014-2020) dal Vaticano all’ Australia. Se non sono soldi vaticani, ma sono ‘ solo’ passati attraverso entità vaticane, di che soldi si tratta?, e soprattutto di chi? I resoconti della stampa australiana parlano di conti cifrati di esponenti laici. Bisogna ricordare che proprio nel 2014 il cardinale Pell aveva pubblicamente denunciato l’esistenza di fondi extrabilancio in Vaticano per un ammontare vicino alla cifra monstre di cui si parla ora ( oltre un miliardo e 400 milioni di euro). E che dal 2014 e’ iniziata la ripulitura dei conti dello IOR,anche questo un processo molto lungo durato anni.
A una mia precisa domanda oggi l’Austrac ha risposto che è’ in corso una revisione completa di tutti i trasferimenti che risultano effettuati , in collaborazione con l’ASIF vaticana, cioè’ l’Antiriciclaggio guidato da Carmelo Barbagallo. Tra AUSTRAC e ASIF infatti vige un protocollo di collaborazione bilaterale. Bisogna verificare chi sono i mittenti e chi sono i beneficiari. E se all ‘ interno di questo fiume di denaro ci siano stati versamenti anche per condizionare il processo penale per pedofilia contro Pell, come ha dichiarato ai magistrati vaticani , uno degli indagati per la vicenda del Palazzo di Londra, poi “ pentito”.

Veniamo al cosiddetto caso Becciu. A che punto siamo dell’indagine?
In corso, come si dice.

Quali sono le contromosse di Becciu?
L’arcivescovo Becciu ha sempre negato di aver commesso reati, ed in particolare di non aver interferito con il procedimento penale contro Pell.

Che reazioni sta avendo in seno alla Curia?
Il ridimensionamento istituzionale della Segreteria di Stato ( ormai un dicastero senza portafoglio) e’ sicuramente un cambiamento , direi, maggiore, che imporrà di riscrivere anche la bozza già quasi pronta della “ Preadicate Evangelium” ,la costituzione apostolica che dovrá sostituire la “Pastor bonus” di Giovanni Paolo II. Allo stesso tempo, la figura del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, ne uscirà inevitabilmente ridimensionata.E con lui, il cosiddetto “partito italiano”.

FCA-PSA, “L’EUROPA SARÀ L’EPICENTRO MONDIALE DELLA MOBILITÀ ELETTRICA, ECCO PERCHÉ CI TEMONO” . INTERVISTA A GIUSEPPE SABELLA

 

Ieri le assemblee dei gruppi automobilistici FCA e PSA hanno approvato il progetto di fusione annunciato lo scorso anno che darà vita a Stellantis. L’operazione sarà perfezionata il 16 gennaio, poi la quotazione in Borsa. La sede sarà in Olanda e a guidare il quarto gruppo mondiale nel settore automobilistico saranno John Elkann Presidente, Robert Peugeot vicepresidente e Carlos Tavares amministratore delegato. Per il Lingotto si realizza quel consolidamento che Sergio Marchionne vedeva necessario per sopravvivere alle trasformazioni del settore auto e dell’economia più in generale. Ne parliamo con Giuseppe Sabella, direttore di Think-industry 4.0.

Sabella, cosa rappresenta Stellantis per l’Italia e, anche, per l’Europa?

Credo che John Elkann abbia messo a segno un’operazione importantissima, pari a quella che nel 2009 lo stesso Elkann e Marchionne realizzavano con la joint venture Fiat-Chrysler. Anche in questo caso, il matrimonio felice – almeno sulla carta – ha importanti motivazioni industriali: a Marchionne non si può rimproverare nulla, ma è chiaro che se FCA aveva un limite, questo andava cercato nell’essere rimasta indietro nell’evoluzione verso l’elettrico. Ed è proprio questo che porta FCA a cercare PSA. Tutti ricorderanno che poco prima, il Lingotto si era accordato con Renault, intesa poi saltata: la ragione era la stessa, Renault era considerato da Elkann e Manley il partner ideale per far evolvere FCA. Questo dovrebbe dirci qualcosa di importante…

A cosa si riferisce?

Quando nel 2010/2011 la grande crisi economica si fa sentire in Europa in modo molto forte, è allora che il governo francese mette in salvo la sua industria dell’auto entrando in modo importante nel capitale di Renault e PSA, introducendo così una liquidità fondamentale per resistere alla grande turbolenza. È in quel momento che, in modo illuminato, il governo francese pretende come contropartita che Renault e PSA si impegnino nella nuova frontiera dell’elettrico. Oggi i due marchi – ed è per questo che FCA è andata a cercare loro – sono all’avanguardia da questo punto di vista, come del resto lo è anche il gruppo Volkswagen per restare in Europa. Questo ci dice quanto sia importante la giusta politica industriale: le risorse non bastano, è determinante investirle nel modo giusto.

È per questo che oggi nel nascente gruppo Stellantis prevale la guida francese?

Iniziamo col dire che Exor avrà il 14,4%, seguita dalla famiglia Peugeot con il 7,2%, lo stato francese con il 6,2% e i cinesi di Dongfeng con il 5,6%. Il Lingotto resta quindi primo azionista. Consideriamo anche che a livello industriale PSA e Tavares avranno più peso ma la rete di vendita di FCA negli USA soprattutto è molto radicata. Secondo me, è questa una fusione dove c’è alla base una forte integrazione. Dopodiché, è chiaro che come in tutte le novità vi sono delle insidie: i francesi sono molto forti, anche in ragione del fatto che il governo transalpino sarà sempre presente nelle operazioni importanti. Per questo ricordavo l’operazione del 2011: il nostro Paese deve capire che oggi la politica industriale è decisiva, soprattutto in relazione alla montagna di denaro che sta muovendo l’Europa col Recovery Fund.

L’industria dell’auto è stata il simbolo della precedente rivoluzione industriale. Lo sarà anche di quella in atto e del Green New Deal?

Lo sarà molto meno perché sta cambiando radicalmente la mobilità: in primo luogo, entriamo in un mondo dove le persone non si muoveranno più come prima: innanzitutto, oggi lo smart working e, più in generale, il lavoro in remoto stanno del tutto cambiando la vita delle imprese e di lavoratori e lavoratrici. In secondo luogo, se pensiamo a una città come Torino, capitale dell’auto in Italia, oggi si producono circa 20mila automobili. Dieci anni fa, se ne producevano 200mila. La crisi del 2008 ha lasciato ferite dolorose per il settore. Si è passati da più di una macchina per nucleo familiare, in media, a una situazione dove in molti casi non vi è possesso di auto. Cosa è successo? Da un lato, un impoverimento ed erosione del potere d’acquisto; dall’altro, vi sono anche altri fattori, tipo l’affermazione del car sharing e del car pooling. Inoltre, soprattutto nei più giovani, la sensibilità per l’ambiente è più sviluppata: l’auto, per loro, è spesso il simbolo di un potente fattore di inquinamento. Vedremo che risposte darà il mercato, ma la mobilità sta completamente cambiando per diversi motivi e, dopo il covid-19, è di molto rallentata. A ogni modo, sono convinto che – sulla base anche di ciò che afferma Pietro Gorlier, responsabile area EMEA di FCA – il grande investimento della UE sarà proprio sulla mobilità: l’Europa vuole diventare l’epicentro mondiale della produzione dell’auto elettrica. Del resto il futuro è qui e il neo gruppo Stellantis nasce proprio sotto i migliori auspici.

Gli USA con la Tesla però ci sono arrivati prima…

È vero. La novità però è che oggi l’Europa si sta muovendo con una politica comunitaria molto forte ed è per questo temuta, come dimostrano le parole dell’ad di Toyota, Akio Toyoda, il cui obiettivo non è tanto l’auto elettrica quanto l’Europa. Tutti sanno quale grande sforzo sta facendo oggi la UE, da un punto di vista della sua politica economica e industriale soprattutto. In questo senso, il Recovery Plan vuole sviluppare in modo determinante l’industria delle batterie – gli attuali leader nella produzione delle batterie sono proprio il Giappone, la Corea del Sud e la Cina – e la rete infrastrutturale dei punti di ricarica. Per questo, la Commissione ha identificato le batterie come una delle nove catene strategiche del valore per la competitività dell’UE e per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione. Investire in questa direzione potrebbe anche sviluppare occupazione e calmierare quegli scompensi sociali della transizione a cui allude Toyoda. Ricorderei, inoltre, a chi dice che il motore elettrico è più piccolo della metà rispetto a quello tradizionale – e che, quindi, a livello di componentistica e di manodopera richieda molto meno di ciò che richiedeva prima – che lo stesso motore a combustione è più piccolo del 40% rispetto al motore che si produceva negli anni ‘80. Questo ci dice che la strada è quella dell’innovazione, stando attenti a non lasciare le persone sole, in particolare coloro che per via della trasformazione perderanno il lavoro.

Come può evolvere il mercato dell’auto? E, da un punto di vista della produzione, che tipo di novità vi saranno per l’Italia con questa fusione?

Rispetto alle novità per la produzione, è presto per dirlo. Sottolineo però che FCA, rispetto ai programmi e agli impegni presi per il triennio 2019-2021, sta rispettando tutti gli investimenti del piano industriale. Per il resto, è noto che la pandemia quest’anno ha rallentato di molto produzione e mercato. Vi è tuttavia un recupero importante negli ultimi due trimestri: FCA, per esempio, chiude l’anno con un -12,4% rispetto al 2019. Se pensiamo che le stime preoccupanti erano un -30%, si tratta di un risultato importante. È chiaro tuttavia che il rallentamento dovuto al covid ha generato un contraccolpo per la mobilità in generale: vi sono da smaltire le flotte di auto tradizionali e ibride rimaste nei concessionari e, non a caso, anche la recente manovra di bilancio italiana ne incentiva l’acquisto come lo incentiva per l’auto elettrica. Questo per dire che vi è sicuramente una fase di transizione ma è proprio il covid, in virtù delle risorse che sta muovendo col Recovery Fund, ad accelerare la transizione, al di là del fatto che i costi di produzione e di mercato dell’elettrico sono ancora elevati. Si è stimato che una parità di prezzo con le auto tradizionali non sarà raggiunta prima del 2024. Secondo le previsioni dell’OEM, lo stock di veicoli elettrici dovrebbe essere compreso tra i 40 e i 70milioni nel 2025; a oggi, ha di poco superato i 5 milioni. Sono previsioni un po’ottimistiche. Ma il dado è tratto.

Cosa ne pensano i sindacati di questa trasformazione secondo lei?

Il sindacato italiano ha chiaro che questa è l’unica strada per sviluppare industria e lavoro, non a caso hanno tutti speso parole importanti per la nascente Stellantis. Certo, come dicevo prima l’innovazione creerà flussi in uscita che andranno gestiti. Del resto, negli anni della crisi abbiamo fatto esperienza. Va però tenuto presente il grande lavoro che andrà fatto per sviluppare la rete infrastrutturale a livello europeo: sono state ipotizzate tre milioni di colonnine in tutta Europa nei prossimi 5 anni. Secondo ACEA,al momento ce ne sono 144 mila. Potrebbe per questo persino nascere un’industria europea per le infrastrutture. Pensiamo a quanto lavoro potrà generare da questa trasformazione e al fatto che l’Italia resta un grande Paese in Europa non solo in termini di capacità industriale ma anche in termini demografici. Dobbiamo imparare dai francesi: se saremo capaci di fare le giuste scelte politiche economiche e industriali, la nostra economia avrà un futuro importante.

IL CORPO COME SALVEZZA, STORIA DI ANNA LATINO

La storia di Anna è la storia di una giovane donna coraggiosa di Conegliano Veneto.  Che ha combattuto, e vinto, una malattia terribile: l’anoressia. In Italia si stima che siano più di 3 milioni le persone affette da disturbi dell’alimentazione di cui il 95,9% sono donne e il 4,1% uomini. Sono dati del ministero della Salute. Un disagio molto grave. Anna ha vinto con il suo corpo, scoprendolo bello e seducente, realizzando servizi fotografici, calendari. Ed ora, presto, questi scatti saranno oggetto di una mostra fotografica, a Ronchi dei Legionari, contro l’anoressia. In questa intervista raccontiamo la sua storia.

Anna, la tua è una storia di redenzione. Redenzione avvenuta attraverso il corpo. Ma nella tua vita non sempre hai amato il tuo corpo. Infatti, per diversi anni, hai vissuto l’inferno dell’anoressia.  Cosa è stata quell’esperienza?

Per me l’anoressia è stato un modo di ribellione a schemi severi familiari. Non mi adeguavo a quel corpo prorompente che attirava  le attenzioni maschili. Il rendermi invisibile mi teneva lontana dalle gelosie morbose di un padre siciliano.

L’anoressia  è una malattia che ha più cause . Un ruolo determinante, nella manifestazione del gravissimo disagio, lo ha il contesto familiare. Che figure sono stati i tuoi genitori…. Come li hai vissuti?

Il contesto familiare era alquanto rigido, e mia mamma una donna acqua e sapone, che non certo rispecchiava i miei canoni di bellezza, ma così facendo  si liberava dalle gelosie di mio padre .

Per una ragazza anoressica íl rifiuto del cibo nasconde, in realtà, una grande fame d’amore. Per te è così?

Il rifiuto del cibo significa senz’altro fame d’amore. L’anoressica privandosi di tutto sfida la morte, il messaggio è chiaro  : accorgetevi di me . Le  privazioni la rendono vulnerabile e quindi bisognosa di affetto  e cure.

Mi hai raccontato che, da ragazzina, eri ribelle, esuberante. Volevi andare oltre gli schemi. A chi ti ribellavi?

Mi ribellavo a un contesto di regole rigide e bigotte. Infatti ricordo regole di orario per le uscite di casa, regole rigide di fare i compiti . Nello studio dovevo raggiungere  il massimo dei voti e delle aspettative.

Poi questa tua ribellione l’hai gettata contro il tuo corpo. Perché? Cosa non ti piaceva?

Del mio corpo non mi piaceva il seno prorompente , lo nascondevo sotto maglioni grossi, e le cosce paffutelle.

Come è iniziato il tuo percorso di rinascita? Un percorso complesso e lungo. Cosa ti ha fatto prendere coscienza di prendere in mano la tua vita?

 Il mio percorso di rinascita inizia a Villa Garda dove conosco il prof Riccardo Dallle Grave che mi cura con tanta pazienza. Riabilitazione psico fisica. Ero in punto di morte: pesavo 28 kg non c’era altra via che risalire la china.

 Dicevamo che il tuo percorso di rinascita è stato lungo e drammatico. Sei stata, anche, una vittima di violenza sessuale. Dopo l’anoressia, la violenza. Il tuo corpo è un corpo che grida…. Ora qual è il tuo rapporto con il tuo corpo?

Il mio rapporto con il corpo e’ migliorato ora tollero i miei difetti e privilegio i miei pregi. Non miro a un corpo esile ma piacente nelle sue forme femminili.

Sei anche madre, com’ è il tuo legame con tua figlia?

A Eleonora insegno a prendersi cura di se’, cospargersi la crema, anche per coccolarsi un pochino, truccarsi il giusto per esaltare i tratti. A livello di cibo le insegno che bisogna mangiare di tutto senza paura di ingrassare o perdere il controllo..

Hai scelto la fotografia come strumento di riscatto. Un’arma potente indubbiamente. Le tue foto parlano della tua libertà e della tua voglia di vita. Non hai paura che qualcuno sciupi il tuo messaggio?

La fotografia è arte. Dipingere con la luce. Forse a non tutti arriverà questo. Nell’arte bisogna accettare anche che vi sia il nudo artistico che, se fatto bene, non assume connotazioni volgari. Infatti sono alla ricerca  sempre di scatti seducenti , raffinati, eleganti e mai volgari.

Vuoi lasciare un pensiero per le giovani donne? 

Il mio pensiero e’ quello di fare sempre ciò per cui si è portati. Sognare in grande e realizzare le proprie ambizioni. I problemi di un corpo mal tollerato si trovano alla base di una scarsa autostima. Invito quindi a non focalizzarsi sul corpo  esile ma essere felici del privilegio di essere donna . Quindi forme corporee utili per la maternità ma che esaltino anche la femminilità.

Nel mondo post-vaccinazione: modelli alternativi per il futuro della Madre Terra. Un testo di Leonardo Boff

Leonardo Boff (LaPresse)

Pubblichiamo, in esclusiva per l’Italia, questa riflessione, del famoso teologo brasiliano Leonardo Boff, sul mondo “post-vaccinazione”. Ci offre pensieri intensi, e originali, sul futuro del nostro pianeta.

Tutti si sono preoccupati per la scienza e per la ricerca sfrenata di vaccini sicuri ed efficaci. Alla fine sono apparsi. Pochi hanno parlato del contesto che ha dato origine al Covid-19. Ha significato il contrattacco della Madre Terra contro gli “umanoidi”, perché – come ha affermato chiaramente Papa Francesco nella Laudato Sì: “non abbiamo mai maltrattato e ferito la Casa Comune come negli ultimi due secoli” (n. 53). Il contesto del virus è nella voracità del nostro modo di produzione e consumo, nel modo attuale di abitare il pianeta Terra, aggredendolo e sfruttandolo eccessivamente per l’ultra neoliberismo. Il Covid-19 ha colpito come un fulmine questo sistema predatorio, uccidendo le vite della natura e dell’umanità. Ha smantellato i suoi principali mantra: il profitto prima di tutto, la concorrenza, l’individualismo, l’uso meramente utilitaristico della natura, la mancanza di cura che tutto esista e viva, la prevalenza del mercato sulla società, lo stato minimo e la privatizzazione dei beni comuni. Se continuassimo a seguire questi mantra, l’umanità sarebbe in grave pericolo.

La pandemia ha posto inequivocabilmente l’alternativa: vale più il profitto o la vita? Che cosa viene prima: salvare l’economia o salvare vite umane? Quello che, infatti, ci sta salvando sono i valori che sono assenti o emarginati in questo sistema globalizzato: è la vita al primo posto, è la cura tra tutti e della natura, è l’interdipendenza l’uno dell’altro, è la collaborazione, è la solidarietà, è la corresponsabilità collettiva, è lo Stato sufficientemente attrezzato per servire tutti, è la società sopra il mercato e il fatto che siamo esseri spirituali che possono comprendere il significato dell’isolamento sociale nel senso di scoprire gli errori che ci hanno portato a questa pandemia, i nuovi valori e le abitudini che dobbiamo incorporare se vogliamo avere un futuro sostenibile e quindi imparare a rinunciare, come trattare la natura e la Madre Terra in modo amichevole, per realizzare il significato della nostra vita e della nostra missione nell’insieme degli esseri: prendersi cura e custodire questa sacra eredità che Dio e l’universo ci hanno affidato (Gen. 2,25) e infine, poiché siamo minacciati di morte dal Covid-19, ci interroghiamo su una possibile vita oltre la vita e l’esistenza di quell’Essere che rende tutti gli esseri, Dio.

Il Covid-19 ci ha rivelato la nostra vera umanità: siamo esseri fragili e non piccoli dei che possono fare tutto; siamo esseri di relazione e per questo motivo dipendiamo l’uno dall’altro, siamo solidali e amorevoli per natura; siamo parte della natura e non dei suoi proprietari e padroni. Questi valori universalizzati dalla Fratelli tutti ci permettono di sognare un altro tipo di mondo diverso e necessario.

Ora che abbiamo una gamma di vaccini, inizia la disputa per il futuro della Terra che vogliamo abitare. Qui ci sono diverse alternative.

L’intenzione di tornare a ciò che era prima sembra essere stata scartata, poiché torneremmo al mondo dell’accumulazione sfrenata e alle ingiustizie sociali ed ecologiche che essa comporta. In questo senso, la Cina ci sta dando il peggiore degli esempi prolungando il vecchio paradigma di crescita del PIL che è stato seriamente danneggiato dal Covid-19 e che implica le dinamiche di sfruttamento dei beni e servizi naturali e lo squilibrio del pianeta. La Cina non sembra aver imparato nulla dalla lezione che il virus ci ha lasciato: dobbiamo cambiare se vogliamo salvare la vita e sopravvivere come specie umana. Qui vale la pena ascoltare l’avvertimento del grande storico Eric Hobsbawm nell’ultima frase del suo libro Il secolo breve (1914-1991 (1):

Una cosa è chiara. Se l’umanità vuole avere un futuro accettabile, non può essere prolungando il passato o il presente. Se proviamo a costruire il terzo millennio su questa base, falliremo. Il prezzo del fallimento, cioè l’alternativa a cambiare la società è l’oscurità” (p.506).

Ecco alcune alternative, poiché i signori del capitale e della finanza sono in furiosa articolazione l’uno con l’altro per salvaguardare i propri interessi, fortune e potere politico.

Il primo sarebbe il ritorno al sistema capitalista neoliberista estremamente radicale. Lo 0,1% dell’umanità (i miliardari) userebbe l’intelligenza artificiale con miliardi e miliardi di algoritmi, in grado di controllare ogni persona sul pianeta, dalla sua vita intima, privata e pubblica, al dentifricio che sta utilizzando. Sarebbe un dispotismo di un altro ordine, cibernetico, sotto l’egida del controllo-dominio totale della vita delle persone. Ma dobbiamo contare sul fatto che ogni potere provoca sempre un contro-potere. Sicuramente ci sarebbe una grande resistenza e persino ribellioni causate dalla fame e dalla disperazione con migliaia e persino milioni di vittime.

La seconda alternativa sarebbe il capitalismo verde che ha imparato la lezione dal coronavirus e ha incorporato il fattore ecologico: riforestare la natura devastata e conservare il più possibile. Ma non cambierebbe il modo di produzione e la ricerca del profitto. La green economy non discute la disuguaglianza sociale perversa e farebbe di tutto ciò che è natura un’occasione di guadagno. Esempio: non solo approfittare del miele delle api, ma anche della loro capacità di impollinare altri fiori. Il rapporto con la natura e la Terra continuerebbe a essere utilitaristico e difficilmente riconoscerebbe i diritti, come dichiarato dall’ONU e il suo valore intrinseco, a prescindere dagli esseri umani.

La terza sarebbe il comunismo di terza generazione, che non avrebbe nulla a che fare con le precedenti esperienze, ponendo i beni e servizi del pianeta sotto l’amministrazione plurale e globale per ridistribuirli a tutti. Potrebbe essere possibile, ma suppone una nuova coscienza ecologica, una governance globale, oltre a dare centralità alla vita in tutte le sue forme, qualcosa che non è nel suo orizzonte. Sarebbe ancora antropocentrico. Proposto dai filosofi Zizek e Badiou è poco rappresentativo, oltre al peso negativo delle fallimentari esperienze precedenti, che lo portano a metterlo sotto sospetto.

Il quarto sarebbe l’eco-socialismo con maggiori possibilità. Suppone un contratto sociale mondiale con un centro di governance plurale per risolvere i problemi globali dell’umanità. I beni e servizi naturali sarebbero equamente distribuiti a tutti, in un consumo dignitoso e sobrio che includerebbe anche gli esseri viventi della natura. Anche loro hanno bisogno di mezzi di sussistenza e riproduzione come l’acqua, il clima, i nutrienti e un ambiente generale sano e sostenibile. Quest’alternativa sarebbe all’interno delle possibilità umane, purché superi il socio-centrismo e incorpori i dati della nuova cosmologia e biologia, che considerano la Terra come un momento del grande processo cosmo-genico, bio-genico e antropogenico.

La quinta alternativa sarebbe il bem viver e la convivenza provati per secoli dagli andini. È profondamente ecologico, poiché considera tutti gli esseri portatori di diritti. L’asse di articolazione è l’armonia che inizia con la famiglia, con la comunità, con la natura, con montagne e fiumi, con gli avi, con l’intero universo e con la Divinità. Quest’alternativa ha un alto grado di utopia praticabile. Forse, quando l’umanità si trovasse come una specie che vive in un’unica Casa Comune, sarebbe in grado di raggiungere il benessere e la convivenza per tutta l’umanità e per l’intera comunità della vita. Sembra una scelta, non per ora, ma per il futuro comune della Terra e dell’umanità.

La quinta alternativa sarebbe Fratelli tutti di Papa Francesco nella sua enciclica socio-ecologica. Il Papa è chiaramente consapevole che questa volta “o ci salviamo tutti o nessuno si salva” (Ft n, 32). Dobbiamo capire bene la sua reale possibilità. Afferma direttamente: “Se qualcuno pensa che si tratti solo di far funzionare quello che abbiamo già fatto, o che l’unica lezione da imparare sia quella di migliorare i sistemi e le regole esistenti, sta negando la realtà” (n.7). Lui rifiuta il paradigma dominante che ha innescato l’intrusione del Covid-19.

Veniamo e siamo ancora all’interno di un paradigma antropocentrico che è alla base della modernità. È il regno del dominus: l’essere umano come signore e padrone (maître et possesseur di Descartes) della natura e della Terra. Questi hanno senso solo nella misura in cui si ordinano al suo volere. Ha cambiato la faccia della Terra, ha portato molti vantaggi, ma ha anche creato un principio di autodistruzione. È l’attuale impasse delle “ombre dense” (Ft cap I). Siamo parte integrante della natura, non al di fuori o sopra di essa, ma al suo interno e al suo fianco come fratelli e sorelle.

Di fronte a questa visione del mondo della modernità, l’enciclica Fratelli tutti contrappone un nuovo paradigma: quello del frater del fratello, della fraternità universale e dell’amicizia sociale (n. 6). L’essere umano, parte di essa, ha legami di fraternità che uniscono tutti gli esseri, non solo perché cosi, lo visse Francesco di Assisi, grande ispiratore di Francesco di Roma, ma soprattutto per il fatto scientifico che tutti gli esseri viventi hanno lo stesso codice genetico di base. Siamo, quindi, tutti fratelli e sorelle, dalla cellula più primitiva di 3,8 miliardi di anni fa, passando per i dinosauri fino a noi.

Se il Papa rifiuta l’ordine attuale, qual è la fonte da cui berrà per la sua alternativa? La cerca nella sorgente da cui scaturisce il più umano dell’uomo, poiché i sistemi sperimentati “possono solo finire in disastri” (Laudato Si n. 161). Resta solo l’umano in noi su cui troviamo una base solida, sostenibile e universale. E qual è il più umano degli umani?

È l’amore che cessa di essere un’esperienza solo tra due esseri che si attraggono, per emergere come amore sociale. È l’amicizia che acquista un’espressione sociale, “perché non esclude nessuno” (n.94) è la fraternità tra tutti gli esseri umani, senza confini, inclusi, nello spirito di San Francesco, gli altri esseri della natura; è la cooperazione aperta a tutti i paesi e a tutte le culture; è la cura, partendo da ciascuno (n.117) e allargandosi a tutto ciò che esiste e vive; è la giustizia sociale, base della pace; è la compassione per chi è caduto nel cammino. Tutto questo mondo di eccellenza è presente nell’essere umano.

Tali valori erano vissuti solo soggettivamente, nelle relazioni brevi e nella privacy della vita. La novità del Papa è stata quella di generalizzare e universalizzare ciò che era soggettivo e individuale: è questo nuovo paradigma, questa nuova visione del mondo che può salvarci dal disastro imminente.

Il Papa si rende conto dell’insolito della proposta, riconoscendo: “sembra un’utopia ingenua, ma non si può rinunciare a questo sublime obiettivo” (n. 190). Non disponiamo di altra alternativa se non quella presente nell’essere umano e ancora non sperimentata storicamente. Dobbiamo adesso metterla in moto.

O faremo questo cambiamento paradigmatico o non ci sarà futuro per la vita e l’esistenza umana su questo pianeta. Possiamo scomparire come specie, poiché ogni anno 300 specie scompaiono naturalmente al loro apice dopo milioni di anni sulla Terra. Sarà che non sia arrivato il nostro momento? La Terra continuerebbe per milioni di anni a ruotare attorno al sole, ma senza di noi. Forse nel futuro dell’evoluzione emergerebbe un altro essere capace di sostenere la coscienza e lo spirito e di provare un nuovo saggio di civilizzazione più benevolo del nostro.

Ma non è questa la visione di Papa Francesco che vede il bio-regionalismo come una soluzione promettente perché garantisce una reale sostenibilità e un nuovo rapporto amichevole con la natura. In questa prospettiva lo soccorre il principio di speranza di Ernst Bloch, senza menzionare il suo nome ma assumendone il contenuto: “la speranza ci parla di una realtà radicata nel profondo dell’essere umano, indipendentemente dalle circostanze concrete e dalle condizioni storiche in cui vive” (n.55). Da questo principio nascono i veri sogni e i progetti realizzabili che possono salvare noi e il sistema vitale. Ma le “ombre dense“, come dice, rimangono minacciose.

L’adesione dell’umanità a questa sua proposta promettente e al tempo stesso urgente di Papa Francesco è incerta. Fratelli tutti non rimuove le “ombre immense”. Ma è una luce che ci indica la strada. Questo ci basta. Sta a noi seguirlo.

Così afferma la Carta della Terra: “come mai prima nella storia, il destino comune ci chiama a un nuovo inizio. Ciò richiede un cambiamento di mente e di cuore, un nuovo senso d’interdipendenza globale e responsabilità universale” (fine). Credo che la proposta di Papa Francesco risponda a tutti questi requisiti e quindi emerge come l’alternativa più promettente e salvifica di fronte alla tragedia provocata dal Covid-19.

Leonardo Boff è un eco-teologo, filosofo e ha scritto Un’etica della Madre Terra, Castelvecchi 2020 e Francesco d’Assisi – Francesco di Roma, EMI 2014.n

(Traduzione dal portoghese di Gianni Alioti)

(1) Eric J. Hobsbawm, The Age of Extremes: The Short Twentieth Century 1914-1991, London, Michael Joseph, 1994 traduzione in italiano Il secolo breve 1914-1991, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 2014

“L’ITALIA DEVE STARE AGGANCIATA ALL’EUROPA CHE NEL 2021 TORNERÀ A CRESCERE”. INTERVISTA A GIUSEPPE SABELLA

Ieri il Senato ha confermato la fiducia al governo sulla Manovra. Il provvedimento è quindi approvato in via definitiva dal Parlamento. Parallelamente il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella rituale conferenza stampa di fine anno, ha spiegato le intenzioni del Governo circa il Recovery Fund, dicendo che conta di andare in Consiglio dei ministri già nei primi giorni di gennaio e poi subito in Aula. Ne abbiamo parlato con Giuseppe Sabella, direttore di Think-industry 4.0, cercando di capire anche come si muoverà l’economia nel nuovo anno.

Sabella, si chiude un anno molto complicato e non solo da un punto di vista sanitario naturalmente. Considerando i problemi dell’economia, cosa c’è di interessante nella manovra di bilancio?

È da marzo che il governo Conte fa manovre economiche. Gli va riconosciuto un grosso sforzo tenendo conto, soprattutto, che al momento è stato fatto tutto in deficit considerato anche che le risorse dei fondi europei saranno a disposizione soltanto dal prossimo anno. Tra l’altro, se vi sono questi fondi è anche merito del governo italiano. Ciò premesso, sono state tutte manovre di contenimento, finalizzate a evitare il crollo dell’economia. Tuttavia, nella legge di bilancio appena votata vi sono misure interessanti che non sono soltanto di contenimento; sono provvedimenti che agiscono su quella che potremmo definire l’economia di domani. Resta il fatto che i conti veri e propri col futuro li faremo col Recovery Fund. Conte dice che a febbraio il governo sarà pronto ma le incognite sono tante. Questo governo arriva a febbraio? Ma, soprattutto, credo che questo governo abbia quantomeno bisogno di qualche innesto di sostanza e di esperienza – soprattutto in ambito di sviluppo economico e di politica industriale – per gestire il Recovery Fund che è la grande occasione che ha l’Italia per restare tra le economie avanzate. Se la perdiamo, i costi saranno ingenti.

Andiamo con ordine rispetto a ciò che dice, quali sono i provvedimenti che le paiono interessanti in ottica futura?

Le misure sulla digitalizzazione, il superecobonus, gli incentivi per l’auto elettrica, l’investimento sul personale medico infermieristico, gli ammortizzatori sociali per le partite iva, il fondo per la parità salariale di genere… ecco, queste sono tutte misure che guardano avanti, a cominciare dall’investimento nell’infrastruttura digitale. Teniamo poi conto che il quadro normativo edilizio è ancora quello del 1942 e oggi è necessario realizzare interventi in ambito di efficienza energetica, antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. A ogni modo, gli incentivi per l’auto sono anche per il motore a combustione e per le ibride. Il mercato italiano registra un calo di circa il 30%: sono misure che consentono di rimettere in moto la filiera. E proprio l’auto elettrica sarà uno dei simboli del ciclo alle porte.

Non è di questo avviso Akio Toyoda, il numero uno di Toyota oltre che presidente di Japan Automobile Manufacturers Association, l’associazione dei costruttori di automobili giapponese che denuncia i costi energetici e sociali insostenibili della mobilità elettrica…

Mah… sono dichiarazioni che lasciano il tempo che trovano e che a me sembra vogliano minimizzare il grande sforzo industriale che sta facendo l’Europa e che ha tra i suoi obiettivi più importanti proprio la mobilità elettrica. In tutto il mondo cominciano ad avere chiaro che sarà un po’ meno facile penetrare nel mercato europeo. Del resto, il grande investimento che l’UE sta facendo col Recovery and Resilience Facility (o Recovery Fund) starà in piedi se in primis il mercato europeo risponderà all’industria locale. E poi non dimentichiamoci due cose: tutto il mondo, anche gli USA, percepisce la nascente Stellantis come europea; e tutte le superpotenze – USA, Cina e anche Giappone – hanno chiaro che l’UE col suo Green Deal ha lanciato un nuovo multilateralismo che rafforzerà la sua egemonia. Ciò non vuol dire che USA e Cina, in particolare, staranno a guardare; significa però che l’Europa sta uscendo da un ciclo di crescita debole ed è, a ragion veduta, osservata speciale.

Cosa temono in particolare Cina e USA del nuovo corso europeo?

L’Europa sta viaggiando spedita verso la carbon neutrality. Questo non è soltanto un aspetto ambientale ma è anche un fattore di nuovo business che va dalla mobilità elettrica alle energie rinnovabili. Ora: è vero che rispetto a USA e Cina abbiamo un ritardo in innovazione digitale – anche questo è fattore che contribuisce alla sostenibilità delle produzioni – ma è anche vero che nessuno come la UE ha reso così sistemica la politica economica per lo sviluppo sostenibile. Ancora, non è soltanto un discorso di conformità all’Agenda Onu 2030 e di responsabilità sociale… il punto vero è che il vecchio modello di sviluppo ha ormai esaurito la sua spinta: pensiamo al petrolio e a ciò che è successo ad aprile negli USA: chi investirà ancora in un sistema che non garantisce più profitti?

Ma, riprendendo le parole di Toyoda, sono sostenibili i costi della transizione ecologica ed energetica?

Intanto non dimentichiamoci che “salvare il pianeta” non è solo uno slogan ma è una missione che non possiamo fallire: anche questo è segno della fine del modello di sviluppo legato al motore a combustione. Si dice, tra l’altro, che il motore elettrico è più piccolo della metà rispetto a quello tradizionale e che, quindi, a livello di componentistica e di manodopera richieda molto meno di ciò che richiedeva prima. Ricordiamoci però che lo stesso motore a combustione è più piccolo del 40% rispetto al motore che si produceva negli anni ‘80. Questo per dire che il progresso tecnico scientifico è inevitabilmente legato ad un fattore di efficienza che ottimizza non solo la fatica ma anche il lavoro. Questo da sempre è ciò che caratterizza le rivoluzioni industriali. La verità, invece, è un’altra: non torneremo a crescere se non colmiamo il gap di innovazione digitale che abbiamo nei confronti di USA e Cina, i Paesi che più hanno investito in intelligenza artificiale e che fino a prima della pandemia non manifestavano particolari scompensi da un punto di vista dell’occupazione. Proprio perché, per dirla con Schumpeter, l’innovazione distrugge ma allo stesso tempo crea.

A proposito di USA e Cina, come vede le due superpotenze nel corso che viene?

Gli USA faranno più fatica di noi a riprendersi dalla pandemia per via di un sistema sanitario che ha mostrato tutti i suoi limiti in questa fattispecie. Per quanto riguarda la Cina, non sono del parere di Prodi e Forchielli che continuano a vedere questa crescita forte del Dragone. Credo invece che i cinesi avranno qualche problema serio. In primis perché Joe Biden riavvicina il mondo anglosassone a quello europeo e questo riavvicinamento avrà come obiettivo di contenere l’avanzata della Cina, anche in ragione di elementi che il mondo occidentale fa sempre più fatica a tollerare: si pensi alla repressione di Hong Kong ma anche alla gestione fortemente autoritaria della pandemia. In secondo luogo perché alcuni nodi verranno al pettine: Xi Jinping ha una forte opposizione interna che potrebbe portare ad una seria crisi politico-istituzionale. E non è da escludere nemmeno che allo stesso tempo emergano le fragilità strutturali di quel sistema che si è sviluppato in modo molto accelerato negli ultimi due decenni: qualche problema per Pechino arriverà anche da noti aspetti demografici oggi sempre più seri – ricambio generazionale debole, città che si spopolano, carenza di forza-lavoro ad es. – e dalla crescente siccità nella Cina settentrionale. Le stesse proiezioni della Via della seta non sono più così ispirate. In un modo o nell’altro, il rapporto tra la Cina e il resto del mondo cambierà.

La ripresa europea farà bene all’Italia? E come il nostro Paese può approfittarne?

Quella che si presenta è un’opportunità storica. L’Italia non è solo il secondo Paese manifatturiero d’Europa ma è anche potentemente integrata con la grande piattaforma tedesca. La locomotiva europea tornerà a correre e con lei anche la nostra manifattura, in particolare metalmeccanica (che vale il 50% del nostro export). Resto quindi dell’idea che la ripresa che nel secondo trimestre del 2021 cominceremo ad avvertire in modo evidente – anche per merito dei vaccini – e che nel terzo e quarto crescerà progressivamente, toccherà anche il nostro Paese. Noi dobbiamo sfruttare la forza del nostro made in Italy e incentivare lo sviluppo – anche a livello di competenze – di quei settori che costituiranno l’economia di domani: economia circolare e energie rinnovabili. Certo, dobbiamo fare sistema: non si può fare battaglie contro la Tap e poi volere l’Ilva a idrogeno.