Le Macerie del berlusconismo. Intervista a Michele Salvati

Spread the love

L’Italia vive giorni pesanti. Si sta consumando una lunga fase storica: quella segnata dal berlusconismo. Il fatto politicamente importante nella giornata di ieri è stata la nomina, da parte del Presidente della Repubblica, del Professor Mario Monti a Senatore a vita. Questa nomina, tra l’altro, porterà, quasi sicuramente, ad un incarico per formare un governo d’emergenza. Per parlare di questo periodo decisivo per il destino del nostro Paese abbiamo intervistato il professor Michele Salvati, economista e Direttore della rivista ”il Mulino ed editorialista del “Corriere della Sera”. E’ autore di numerose pubblicazioni, l’ultima suo libro è uscito da poco per i tipi del Mulino: “Tre pezzi facili sull’Italia. Democrazia, crisi economica, Berlusconi”. Un’analisi chiara di alcune costanti dell’anomalia italiana, di cui la più interessante e significativa è quella di una difficile democrazia dell’alternanza.

Professor Salvati il Paese sta vivendo ore pesanti: lo spread ha toccato ormai un livello pericolosissimo. La fase conclusiva del berlusconismo (Berlusconi si dimetterà dopo l’approvazione della “legge di stabilità”) ci lascia un cumulo di macerie sul fronte economico e sociale. Lui che si è auto proclamato “uomo del fare” ha portato l’Italia ad un punto limite. Nel suo libro, “Tre pezzi facili per l’Italia” appena uscito per il Mulino, analizza la parabola berlusconiana. Le chiedo: qual è la radice della crisi del berlusconismo?

La radice sta nella sua incapacità di tenere fede al programma che con tanta baldanza aveva annunciato quando è “disceso” in politica, cioè un programma liberale, un programma che riflettesse sui bisogni di “riforme strutturali” del nostro Paese. Come si sa Berlusconi ebbe un primo breve termine, come Presidente del Consiglio, nel ’94 e presentò una riforma importante delle pensioni fatta da un eccellente economista, Onorato Castellino. Le reazioni a questa riforma liberale e profondamente giusta furono tali da parte della Lega (molto simili a quelle di adesso che non vuole toccare le pensioni d’anzianità) che il governo Berlusconi cadde, la Lega si staccò e ci fu una serie di governi che conosciamo: il governo Dini, le elezioni e il governo Prodi. In realtà i governi degli anni ’90 avevano cominciato ad affrontare i problemi di fondo del nostro Paese. Quando Berlusconi tornò al potere nel corso degli anni 2000 (2001-2006; 2008 ad oggi) di queste riforme profonde non si parlò più, perché il problema della popolarità, il desiderio di rincorrere la popolarità e quindi di evitare l’impopolarità che riforme così profonde creano, fecero si che Berlusconi non fece più nulla e anzi dicesse che tutto andava bene quando in realtà tutto andava male. Doveva continuare le riforme che avevano iniziato i governi tra il ’92 e il ’98 se devo dare una risposta da economista. Lascio del tutto da parte i problemi di inadeguatezza di Berlusconi sotto altri profili: politico, morale ecc, considero soltanto il profilo economico dove le riforme non le ha fatte, dando un’idea del tutto entusiastica ed erronea della situazione economica italiana.

La “II Repubblica” che doveva segnare il passaggio ad una democrazia “normale”, fatta di alternanza tra le coalizioni, in realtà, come scrive nel libro, si è configurata e polarizzata come uno scontro tra “berlusconiani” e “antiberlusconiani” (che richiama la vecchia divisione tra “comunisti” e “anticomunisti”). E’ sufficiente, secondo lei, l’uscita di Berlusconi per normalizzare la situazione? Oppure, in verità, anche l’attuale centrosinistra deve essere più convincente?

Che l’attuale centrosinistra debba essere più convincente è una domanda apprezzabile che mi sento anch’io di fare. Piuttosto la domanda che dobbiamo farci è la seguente: a parte il fenomeno Berlusconi possiamo considerare che i toni aspri e di scontro che ci sono stati tra Berlusconi e il centrosinistra, durante la II Repubblica, questo tipo di conseguenze che non hanno fatto bene al Paese siano eliminabili con l’eliminazione di Berlusconi? Detto in altre parole: è possibile avere un bipolarismo meno gridato e urlato, e più efficiente di quello che noi abbiamo avuto se al posto di Berlusconi si forma un centrodestra più, diciamo, “normale”? Questa è la domanda, perché molti, innanzitutto Casini che diventerà un “pivot” delle scelte politiche dei prossimi giorni, come vedremo, non la pensano così. Pensano che il nostro Paese sia inadatto a uno scontro frontale fra un centrodestra e un centrosinistra, cioè che anche senza Berlusconi ci saranno delle tensioni fortissime. Questo è un giudizio sul qual bisogna prendere posizione, perché da come si risponde a questa domanda dipende molto l’evoluzione del nostro sistema politico nei prossimi anni.

Ultima domanda: Gli osservatori stranieri imputano la crisi,tra l’altro, alla scarsa credibilità all’attuale governo italiano. Le chiedo lei è ottimista sulla possibilità di un “governo del Presidente”?

Ho l’impressione che due sono le possibili soluzioni. Una più probabile oggi che è quella di un brevissimo governo elettorale, affidato ad una personalità autorevole e riconosciuta o del centrodestra o del centrosinistra, per esempio Giuliano Amato, che prepari semplicemente il Paese alle elezioni e tenga sotto controllo la crisi economica. Deve essere una persona stimata anche a livello internazionale, affidabile per i mercati, con il compito fondamentale di far passare le riforme che i mercati ritengono essenziali e che, sia il Fondo Monetario sia l’UE ci stanno prescrivendo in dettaglio. Poi si va alle elezioni con questa legge elettorale con la possibilità che si formino di nuovo due blocchi, uno di centrodestra uno di centrosinistra, forse con un personaggio intermedio come Casini, che però non trova una facile collocazione né da una parte né dall’altra. Direi che se così avviene, la crisi continua.

L’altra possibilità è più azzardata perché non si trova nel Parlamento una quantità di voti che ne garantisca la solidità. Questo è un governo più ambizioso, un governo Monti, che non starebbe per un breve governo elettorale , ma per fare delle riforme più pesanti e avviare il nostro Paese al risanamento sia economico, sia politico-amminstrativo. A questo punto è fondamentale una nuova legge elettorale, che è molto discussa e controversa sia nel centrodestra che nel centrosinistra.

Queste sono le due possibilità che io vedo, ma certo non escludo che ce ne possano essere altre, come in extremis un rinvio di Berlusconi alle Camere. Io ho una fortissima preferenza per un governo Monti, cioè per un governo che abbia il tempo e lo spazio, non solo di stare e obbedire ai diktat del FMI o dell’ UE, anche se sono diktat ragionevoli date le nostre circostanze, ma anche di interloquire e di negoziare e che abbia lo stile internazionale sufficiente a condurre queste negoziazioni.

Commenti (5)

  1. Egregio Salvati.no ci conosciamo:sono Aurelio Romanoni.
    mi non sarebe stato meglio che Renzi aspettasse 5 anni per avere più esperienza???? a 42 anni una persona non è da rottamare……credo,no???
    Bersani è quello che come ministro ha fatto le unicbe liberalizzazioni che avrebbe dovuto fare la destra.
    Purtroppo non ha avuto tempo per termnare l’opera.
    Sono un po’deluso di questa sua scelta,ma la rispetto.
    Lei è un grande personaggio……….ci ripensi
    La saluto con rispetto., AURELIO ROMANONI
    mia email: romanoni.aurelio@yahoo.it

  2. sono daccordissimo x MONTI ci vogliono azioni radicali perchè in questi 18 anni di sventura x L’ITALIA e x gli ITALIANI è come far rinascere L’ITALIA del dopo guerra ( gli italiani spero chè hanno capito da chì siamo stati governati ) cordialmente vincenzo sepe.

  3. In parte sono d’accordo con i commenti del Prof. Salvati.
    Invece su due punti dissento fortemente :
    Forse il Professore è ancora giovane e quindi la memoria storica è trasparente, ma non capisco il nominare personalità autorevole il sig. Amato, non è stato il delfino e portaborse di Craxi – ed è forse l’unico che rispetto agli altri compagni si è nascosto dietro la porta dopo i disastri di allora e si è riciclato ?

    Per quanto concerne il Prof. Monti, competente in materia bancaria e finanziaria e nelle commissioni Europee mi stupisce che non abbia previsto il recente disastro finanziario internazionale. E’possibile che tanti studiosi di economia non abbiano percepito questa macroscopica bolla speculativa che dal 2008 ha bruciato miliardi di Euro, causando incalcolabili danni economici a tutti i cittadini Europei, provocando disoccupazione , crisi aziendali, marginalizzando i giovani etc… Dov’erano questi emeriti studiosi ? Magari ricoprivano incarichi nel consiglio di ammi.ne di prestigiosi Istituti Bancari ma probabilmente molto miopi ai giochi della finanza.
    Sono favorevole alla sua nomina , ma nel contempo mi rimangono molti interrogativi. Se chi dedica la vita all’insegnamento e allo studio dei mercati finanziari e non si accorge della loro evoluzione e speculazione chi altro può farlo … l’idraulico …il barbiere …. il barista etc.

    Se poi mi soffermo a leggere l’evoluzione del debito pubblico:
    1960 – Euro 3.943
    1990 Euro 591.618
    2007 Euro 1.598.971
    2011 Euro 2.000.000
    ci sarebbe da processare tutta l’incapace e vergognosa classe politica che purtroppo ancora oggi non è consapevole del disastro provocato, in particolare lasciando un peso drammatico ai nostri figli.

  4. Andiamo al voto. Il Popolo è sovrano. Ci siamo apposta. Ci sono state anche le macerie del Protismo…per come ha valutato l’euro e ora ne paghiamo le conseguenze. Renato

  5. Pingback: Vertice Pdl, Berlusconi: "Ascolto tutti, poi decido" - Kimblo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *