Le nuove frontiere dei Servizi Segreti italiani. Intervista ad Aldo Giannulli

Spread the love

Recenti fatti gravi di cronaca hanno portato l’attenzione della opinione pubblica sui Servizi Segreti del nostro Paese. Per fare un po’ il punto del loro stato abbiamo intervistato Aldo Giannulli , docente di Storia Contemporanea alla Statale di Milano. E’ stato consulente parlamentare delle commissioni sulle stragi (dal 1994 al 2001). E’ tra i maggiori studiosi dell’intelligence italiana. Autore di numerose pubblicazioni, tra cui l’importante saggio “Come funzionano i servizi segreti” (Ed. Ponte alle Grazie).

Professor Giannulli, viviamo in un mondo multipolare e globalizzato. Quindi questo comporta nuove sfide nelle relazioni internazionali tra gli stati. Ed ha, pure, una sua “ricaduta” sugli apparati di intelligence degli Stati. Le chiedo quale sono le nuove sfide per i Servizi d’intelligence, in generale, e in particolare per quelli Italiani?

Il primo dato è sicuramente la crisi finanziaria, che finora è stata trattata essenzialmente dal punto di vista finanziario e si è dimenticato che c’è una ricaduta in termini di sicurezza nazionale. La crisi e la guerra economica, che si gioca attorno alla crisi, è sicuramente la prima sfida che si gioca e a cui occorre far fronte. Noi siamo uno dei paesi più esposti in questo senso.

Nella loro storia i servizi italiani, in certi periodi, sono stati succubi della grande potenza americana. Oggi com’è la situazione?

Del tutto succubi non sono stati mai, nel senso che i servizi italiani hanno sempre avuto delle anime dentro: c’è un’anima filo-israeliana e c’era un’anima filo-araba più omogenea agli interessi petroliferi del paese. Ora il problema si pone in termini di forte sbandamento dei servizi, che hanno perso molti punti di riferimento. Il mondo globalizzato, la crisi del sistema politico, il fatto che l’ENI non si capisce che fine debba fare, ed era un punto di riferimento dei servizi italiani. Il tutto va riportato ad una dimensione di forte incertezza.

Nella guerra in Iraq i servizi di sicurezza italiani avevano dato prova di una certa efficienza. Alcuni episodi recenti, invece, hanno messo a nudo carenze nella rete informativa dei servizi. Quali sono i limiti strutturali dei nostri servizi?

I nostri servizi storicamente sono abili nella raccolta informativa, sono medi nella diplomazia e nella capacità di intrattenere rapporti, sono carenti dal punto di vista dell’analisi che è da sempre il punto debole dei servizi italiani.

Dove si colloca, invece, la loro eccellenza?

Soprattutto, come già detto, nella raccolta informativa, che è sempre stato il punto di forza, in qualche modo la scuola dell’OVRA è servita, quindi c’è un’antica abilità nella raccolta informativa, nell’organizzazione delle reti dei confidenti. Mentre invece, per esempio, nell’analisi delle fonti aperte i servizi italiani sono abbastanza indietro, è un’impressione esterna anche sulla base di quello che si legge nei giornali: è un problema di tradizioni per certi versi e di mancato aggiornamento per altri.

A livello europeo tra servizi inglesi, tedeschi, francesi come siamo collocati in fatto di uomini e risorse (finanziarie e tecnologiche)?

Non siamo messi bene, perché da sempre i servizi italiani hanno dei finanziamenti non eccessivi. Come uomini credo che gli altri abbiano una disposizione, una rete più consistente, però credo che dal punto di vista dell’addestramento e dell’efficacia complessiva i nostri servizi non sono messi poi tanto male. Quello che i nostri servizi hanno come mezzi lo fanno fruttare di più. Se si vede la storia dei nostri servizi, per quel che riguarda la resa e i risultati, lo stacco non è così vistoso.

Per uno stratega dove si colloca l’importanza, cioè il valore aggiunto, dei servizi italiani?

Come servizi di una media potenza di area, come nel Mediterraneo, i nostri servizi se la sono cavata bene. E infatti quello che lei dice dell’Iraq, e precedentemente le missioni in Libano, dimostrano una capacità di penetrazione del mondo arabo, mediorientale non trascurabile, che presuppone anche una certa abilità.

L’ultima riforma è del 2007. Come sta procedendo?

Non sta procedendo, non c’è mai stata alcuna riforma, perché nel 2007 c’è stata una finta riforma, che serviva un po’ a riallineare i rapporti dei poteri interni dei servizi, poi serviva a risolvere i problemi processuali di Pollari e serviva a creare una sorta di alibi preventivo attraverso la discriminante per cui il Presidente del Consiglio può incredibilmente autorizzare a fare reati. Ma per il resto una vera e propria riforma non c’è stata mai. I problemi da affrontare sono, da un lato, quello dei controlli sui servizi e dall’altro della specializzazione degli stessi, su questo siamo carenti. Ma bisogna soprattutto riprendere il discorso sul modello binario, sul coordinamento, ora l’ex CESIS è un ente abbastanza inutile perché i servizi se ne vanno per i fatti propri, quindi nel complesso è ancora tutto il modello che va ripensato. Come va ripensato il modello di selezione, di reclutamento, il modello di potenziamento dei settori critici, come l’analisi e la opensource intelligence.

Commenti (3)

  1. E’ abbastanza sconcertante che un esperto di servizi segreti italiani citi l’OVRA, che, ricordiamolo, era la polizia segreta fascista, come influenza positiva sui nostri servizi. Cita anche il ruolo positivo svolto dai servizi durante la guerra in Iraq, riferendosi forse al salvataggio della giornalista Giuliana Sgrena. Naturalmente se l’Italia non avesse partecipato a quella guerra, violando la propria costituzione, anche la presenza dei nostri servizi in Iraq non sarebbe stata necessaria. O forse si? Già perché i servizi, essendo segreti, non si sa bene cosa facciano, nel senso che il popolo che vota e paga le tasse non ha alcun tipo di controllo sull’operato di questi signori. In effetti dai tempi dell’OVRA non deve essere cambiato molto. Ricordiamo molto chiaramente la presenza dei servizi in operazioni di depistaggio e disinformazione – se non addirittura di partecipazione o committenza – riguardanti tutte le stragi che hanno insanguinato il nostro sfortunato Paese: da piazza Fontana a Ustica, passando da piazza della Loggia, dal treno Italicus e dalla stazione di Bologna, per citare solo le maggiori. Si è parlato di servizi “deviati”, ma deviati da cosa? Senza trasparenza, senza controllo democratico, come stabilire qual è la linea giusta e quale la deviazione? E comunque questi agenti deviati sono stati arrestati, processati, condannati? No. Quindi la teoria della devianza è indimostrata, ed è solo un comodo paravento per politicanti collusi.
    Personalmente non desidero nessuna nuova frontiera per i nostri servizi, ne desidero il definitivo scioglimento. Basta giocare alle spie! I rapporti politici ed economici all’interno del Paese o tra diversi Stati possono e devono essere gestiti in modo trasparente e democratico. Per tutelare l’ordine e la sicurezza abbiamo già Polizia e Carabinieri.
    I cittadini non votano e non pagano le tasse per sostenere reliquie del fascismo o della guerra fredda, e neanche per vedere morire dei ragazzi in qualche Paese lontano, per l’esclusivo interesse dei soliti politicanti che dovrebbero avere il massimo rispetto per la carta costituzionale e invece la calpestano di continuo.
    Nessuna riforma. Cancellazione.

  2. Servizi segreti: “riforma o controriforma?”

    Roma, 17 aprile 2012, in un quieto pomeriggio primaverile, presso Palazzo Marini, nella Sala delle Colonne, si è tenuto un Convegno sulla Riforma dell’Intelligence: “Facciamo il Punto”. L’incontro è stato organizzato e coordinato, magistralmente, dall’Onorevole Marco Minniti, con la partecipazione attiva del direttore del DIS, Gianni De Gennaro; dell’ex Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta e del Presidente del Copasir, Massimo D’Alema.

    Il nodo focale da sciogliere è innanzitutto, quello di decidere se attuare la Riforma adesso con l’attuale governo tecnico, oppure attendere un momento più sereno e proficuo vista la realtà che si sta vivendo dal punto di vista politico-economico.

    Ritorna alla ribalta, quindi, il progetto dell’Onorevole D’Alema che, ad oggi, non ha mai ottenuto forti consensi.

    L’iniziativa prevede lo spostamento dell’asse: “dall’autonomia delle due agenzie, Aise ed Aisi, al controllo nonchè coordinamento da parte del DIS che, a sua volta, interagirebbe con il Copasir. Il punto è, “la Riforma è per qualcuno una forma di invasività?

    Oppure, una vera e costruttiva crescita della Cultura della Difesa e Tutela del Paese? Come asserisce il dott. Gianni De Gennaro, ci vuole un concetto di condivisione comune. Siamo dinanzi ad un nuovo mondo ed è questa la sfida che il legislatore deve affrontare.

    Marco Federico

    Informativadintelligence

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *