La Cgil al bivio dopo l’annuncio della candidatura Landini. Intervista a Giuseppe Sabella

Spread the love

Lunedì sera si è riunita la Sergreteria Confederale della Cgil. È stata una seduta accesa per via dell’investitura che il Segretario Generale Susanna Camusso ha conferito a Maurizio Landini in vista del Congresso di Bari (gennaio 2019) che eleggerà, appunto, il nuovo leader della Cgil. In corsa ci sono appunto Maurizio Landini e Vincenzo Colla. Abbiamo chiesto dettagli a Giuseppe Sabella, direttore di Think-in, e (insieme a Giuliano Cazzola) autore del recente libro L’altra storia del sindacato – dal secondo dopoguerra agli anni di Industry 4.0, Rubbettino Editore.

Sabella, come ha accolto la notizia dell’inidicazione di Landini da parte di Camusso?

Era nell’aria, non sono rimasto sorpreso. E nemmeno per il fatto che ben sette membri (su nove) della Segreteria della Cgil siano d’accordo con l’indicazione che ha dato Camusso. Ma non sarà la Segreteria ad eleggere il nuovo Segretario Generale, quindi non è semplice capire le evoluzioni del caso. Certo è che la Cgil si avvicina al Congresso divisa, ma non di tratta di una frattura che nasce lunedì. I prodromi si erano visti circa un mese sui social network, dopo le Giornate del Lavoro di Lecce, quando i dirigenti della Cgil si sono divisi non solo sulle parole del Ministro Savona ma, soprattutto, sull’opportunità della sua presenza.

Come nasce la candidatura di Maurizio Landini?

Camusso ha sostenuto le ragioni dell’investitura a Landini sulla base di un “ascolto” effettuato durante l’estate in tutta l’organizzazione tra le categorie e le Camere del lavoro e nel corso del quale il nome dell’ex segretario dei metalmeccanici sarebbe stato il più gettonato. Il disegno pro Landini non è di ieri. In realtà, la candidata ideale per Susanna Camusso era Serena Sorrentino – oggi segretaria generale del Pubblico Impiego – sul cui nome il gruppo dirigente della Cgil ha però reagito con un po’ di freddezza. È in questo clima che è nata la candidatura di Colla.

E come vede la candidatura di Colla?

È una candidatura molto appoggiata, nonostante l’investitura di Landini. Colla ha il sostegno dell’area riformista della Cgil, di categorie di peso come i pensionati, gli edili, i chimici-tessili, i lavoratori dei trasporti e delle telecomunicazioni. Landini non sembra così sostenuto – sono con lui i metalmeccanici, il pubblico impiego e gli alimentaristi – ma tutto può succedere. C’è da dire, anche, che proprio nelle ultime ore Franco Martini – che qualcuno indicava come possibile traghettatore – ha proposto il profilo di un “giovane” alla guida della Cgil e la federazione del commercio, che in un primo momento era con Camusso, lo ha seguito. Quindi, si è eroso un pezzo importante che poteva sostenere Landini. Ma tutto può succedere.

Lei come pensa possa evolvere la situazione?

Landini e Colla sono due ottimi sindacalisti ma molto diversi tra loro. Al di là delle valutazioni che possono fare gli organi competenti della Cgil, ho qualche dubbio che l’indicazione della Segretaria Generale possa fare breccia per tante ragioni, a cominciare dal fatto che sono in molti ad aver dato una mano a Camusso ad arginare Landini proprio quando l’ex leader dei metalmeccanici si mostrava piuttosto “eversivo” nei confronti della sua Confederazione, al di là del fatto che in qualche occasione si potesse condividere la sua posizione. Mi sembra difficile che oggi il gruppo dirigente, che ne ha contenuto la sua esuberanza, passi a sostenerlo.

È un’inidicazione che si porta dietro qualche contraddizione…

Si, del resto il sindacato resta l’unico luogo dove il pluralismo resiste e le contraddizione vengono superate.

Quanto è importante il Congresso della Cgil per il movimento sindacale?

SI tratta di un giro di boa fondamentale, io credo che – comunque vada – il Congresso della Cgil originerà un processo di cambiamento nell’intero mondo sindacale. Al di là del fatto che il vero protagonismo sindacale, nel futuro prossimo, sarà nei luoghi di lavoro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *